greek english Russian français deutsch italiano
Paros Mediterranean Greece Aegean Holidays Vacation
sitemap Home La Azienda Contatto
Home Page » Paros - Informazioni

Paros: Una destinazione popolare e di qualità

Qui la società ERGOKAT SML S.P.A. sta sviluppando un esemplare complesso edilizio residenziale di villeggiatura, presso la più famosa spiaggia dell’isola, la Costa d’Oro.

Come arrivare

Paros è facilmente raggiungibile giornalmente con molte navi convenzionali e veloci, dai porti del Pireo, di Rafina e di Lavrio.

Il viaggio può durare dalle 2 ore e un quarto alle 4 ore e mezzo a seconda della scelta del mezzo e del porto. Inoltre c’è il collegamento giornaliero con l’aereo dall’aeroporto Eleftheros Venizelos, tramite voli che durano 35 minuti.
Collegamenti giornalieri con Siros, is, axs, Ios, Sntrini, fnisia.




Table of distances from the port of Paros
Pireo:94 m.n.
Rafina:81 m.n.
Lavrio:65 m.n.
Antiparos:5 m.n.
Naxos:16 m.n.
Mikonos:26 m.n.
Santorini:48 m.n.

Infrastrutture
  • Dispone di una delle migliori reti stradali delle Cicladi
  • Centro pubblico si assistenza sanitaria
  • Servizio di trasporto aereo per pazienti
  • Medici privati
  • Farmacie nella maggior parte dei paesi dell’isola
  • Porti turistici a Parikia, ausa e Piso Livadi
  • Filiali di banche
  • Agenzie turistiche
  • Noleggi di auto
  • Alberghi di tutte le categorie
  • Grandi supermarket
  • Copertura ricettiva per la telefonia mobile in tutta l’isola.

Links:
Comune di Paros: http://www.paros.gr/
Quotidiano in lingua inglese di Paros: http://www.paroslife.com/
Servizio informazioni condizioni meteorologiche: http://www.meteo.gr/
The online community di Paros: http://www.parosweb.com/


Geografia

Nel cuore del mare Egeo e delle Cicladi si trova Paros, la terza isola in ordine di grandezza (superficie 196.755 kmq.) e 12.853 abitanti.

Le coste hanno una lunghezza di 111 km., con molte spiagge sabbiose e pittoreschi porticcioli (in contrasto con le altre Cicladi, che hanno delle coste quasi tutte scoscese e di difficile accesso).


  La chiesa della Madonna di Ekatontapiliani

Le copiose acque sotterranee e le piccole pianure fanno di quest’isola una delle più fertili delle Cicladi. Il clima di Paros è temperato, con poche precipitazioni e inverni miti. D’estate i venti (gli etesi degli Antichi) moderano il caldo del giorno con la principale caratteristica di placarsi verso sera.

Storia

Un’isola con storia, con ritrovamenti della civiltà protocicladica, con le antiche cave del marmo bianco più famoso del mondo, quasi diafano, dal quale furono creati i più importanti monumenti e le sculture dell’Epoca classica, come l’Ermes di Prassitele o la vittoria di Samotracia. Celebre fin dall’antichità per la qualità unica e la capacità di catturare la luce. Una caratteristica è il suo spessore di trasparenza che raggiunge spesso i 6-7 cm

. Ha dato i natali a molti uomini illuminati, come il grande poeta Archiloco, considerato pari a Omero in valore, e grandi personalità della scultura come Scopas e Agorakritos nell’epoca classica, le cui opere adornano il Partenone.

Nel Museo archeologico di Paros sono ospitati ritrovamenti da scavi che hanno avuto luogo nell’isola negli ultimi 150 anni. Spiccano la statuetta della Signora di Saliaghos e il frammento di Chronikon di Paros.

A Paros si trova uno dei più antichi e importanti monumenti bizantini greci, la Chiesa della Madonna di Ekatondapilianis.



La vita in Paros  

Paros è l’unica isola delle Cicladi che concilia tutti i generi di turismo: vacanze familiari, sportive, tranquille, di baldoria, di raccoglimento, camminate, escursioni ad interesse storico, vita mondana, sieste pomeridiane, serate di chiasso, notti brave.

Ideale luogo di vacanze, concilia la semplicità, la sobrietà, la tranquillità e l’isolamento con l’alternarsi della ricca vita culturale, del movimento cosmopolita e di una grande festa che dura tutta l’estate.

Isola amante della tranquillità, tra le mete vacanziere più popolari, offre una calda ospitalità ed eccellenti servizi turistici ai nuovi abitanti che si inseriscono positivamente nelle attività produttive della comunità.

A Paros ci sono molte occasioni di divertimento: grandi club, tranquilli piccoli bar, cucina internazionale, taverne tradizionali e uzerì, ( tipica taverna greca con cucina etnica ) e anche due cinema serali. Molte le occasioni per far baldoria e di feste tradizionali e di costume. Gli abitanti di Paros sono noti per le loro esibizioni nelle danze e in musica. I balli fondamentali sono l’isolano trascinato (syrtos) e il balos (ballo tradizionale delle isole greche), oltre all’ agheranos (che riecheggia danze antiche), i ritmi delle canzoni tradizionali di Paros con l’accompagnamento di liuto e di violino ma anche della zampogna e di toubaki (tipo di percussione).

D’inverno a Paros tutto è più tranquillo ma ugualmente interessante. E’ la stagione ideale per il riposo, il rilassamento, le camminate nei paesi montani dell’isola, la partecipazione alle attività delle associazioni culturali. Molti negozi rimangono aperti offrendo una calda e familiare atmosfera.

Gastronomia

Le condizioni climatiche favoriscono lo sviluppo della viticoltura e Paros è dal 1981 zona di Agricoltura vinicola a denominazione di origine controllata (DOC), con varietà di vini locali come il bianco Monemvasia e il rosso Mavdilarià.

Viene inoltre prodotta una tipica acquavite, la suma, da artigiani domestici, ogni autunno, in particolari pentoloni.


 Gustozo apprezzamento: Polip esposto al sole

La Cucina di Paros ha per fondamento l’olio, la cipolla, la verdura, gli ortaggi, il buon pane, il vino e in misura minore la carne; è considerata tra le più equilibrate nell’ambito greco e in Europa. Peraltro una vecchia ricerca dell’Unesco indicò gli abitanti di Lefkes di Paros tra i più longevi d’Europa, proprio grazie alla loro alimentazione.

Paros dispone di flotte di pescherecci tra le più grandi della Grecia. Pesci di tutti i tipi, aragoste, scampi, calamari e seppie. Polipo al vino o con pastina, esposto al sole ed arrostito, ricci di mare e inoltre guna (sgombro esposto al sole e successivamente sulla brace) e kakavia (zuppa di pesce).

Inoltre eccellenti focacce, ceci al forno nella pentola di terracotta, fava “sposata”, polpette ai legumi e alle verdure, karavoloi ( grosse lumache), salsicce dell’isola, conigli e piccioni ma anche amanite, carciofi selvatici, fave fresche, fagiolini o kalfa (verdura) con agliata, capperi e andrakla. (verdura)

Degni di attenzione i formaggi di Paros, il gruviera, la ricotta acida che si associa con il pane d’orzo biscottato prodotto nell’l’isola, anthotiro (tipo di ricotta), touloumi (formaggio per la cui preparazione si usa un otre) e ladotiri ( formaggio piccante conservato in olio di oliva) che vengono ancora prodotti nell’isola secondo il metodo tradizionale.

Attività culturale

L’attività culturale prospera nell’isola, dove vive e lavora una moltitudine di artisti.

Durante il periodo estivo vengono organizzate mostre di pittura, scultura, concerti e corsi dell’Università dell’Egeo.

A Lefkes è in funzione la Casa della Letteratura, pensione per scrittori e poeti in cerca di un soggiorno all’insegna dell’ispirazione e della creatività.


Insediamenti tradizionali


  Naoussa - Il porto caratteristico

Le abitazioni delle isole del mare Egeo hanno ispirato il movimento di Architettura moderna.

"Il saggio, giusto e stupendo gioco di volumi raccolti sotto la luce",definizione di Le Corbusier dell’architettura, costituisce indicazione chiara della reazione nell’architettura dell’Egeo.

Gli abitati tradizionali di Paros, Nausa, Lefkes, Marpissa, Prodromos, Parikia, sono considerati tra le migliori testimonianze dell’architettura delle Cicladi, paesi pittoreschi, completamente integrati nel paesaggio, a dimensione umana e in ottimo stato di conservazione.

"Solidali stettero le case
e piccole e quadrate
con la camera bianca e l’indaco battente”


(disseas Elitis – DEGNO E’ ( X S’)

Il girare tra le stradine lastricate dei paesi ci rivela un mondo intatto, una ricchezza di elementi morfologici di elevata qualità estetica, risultato tanto della tradizione della scultura marmorea di lungo data, quanto dell’influenza dell’architettura religiosa, che ha fornito elementi rilevanti, come i portici ad arco e la caratteristica dei marmi decorativi in alcune case che costituiscono testimonianze abitative di valore.